ESAME PER LA CERTIFICAZIONE DI ESPERTO IN GESTIONE DELL’ENERGIA (EGE)

L’ “Esperto in Gestione dell’Energia” (EGE) è definito dalla Norma UNI CEI 11339:2023 come la persona fisica che ha conoscenza, abilità e competenza necessarie per promuovere e gestire l'uso razionale e sostenibile dell'energia ed effettuare le diagnosi energetiche in conformità alla UNI CEI EN 16247 parti 1-4 essendo conforme alla UNI CEI EN 16247-5, con l’obiettivo di migliorare conseguentemente il livello di prestazione energetica.
Lo scopo della sua attività è quello di ridurre i consumi di energia primaria e le emissioni di gas clima alteranti legate all'utilizzo di energia, di incrementare in qualità e/o in quantità i servizi forniti attinenti all'uso razionale dell'energia.
L’esperto in gestione dell’energia è una figura professionale certificata secondo la norma UNI CEI 11339:2023, che stabilisce i requisiti necessari validi al fine dell’ottenimento della certificazione stessa. L’EGE può ottenere la certificazione della sua competenza per operare nel settore civile, industriale o per entrambi. Più specificamente, le caratteristiche dei 2 settori sono:
•    settore civile: competenze focalizzate prevalentemente sulle prestazioni energetiche del settore civile e terziario
•    settore industriale: competenze focalizzate prevalentemente sulle prestazioni energetiche di processo nei settori industriali e produttivi

REQUISITI DI ACCESSO ALL’ESAME
Per poter accedere all’esame di certificazione EGE il candidato deve dimostrare di possedere i requisiti richiesti dall’Organismo di Certificazione e indicati dalla Norma UNI CEI 11339:2023.

Titoli di Studio
Sono accettati tutti, a partire dal livello NQF 4, i titoli, corsi e diplomi riconosciuti od equipollenti a quelli italiani, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge. Per casi di dubbia interpretazione, o anche per titoli stranieri, è compito del candidato presentare idonea documentazione al fine di permettere all’Organismo di Certificazione di prendere atto delle relative equipollenze, mediante ad esempio documenti tipo "Diploma supplement” ( documento integrativo del titolo di studio ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore. Il DS fornisce una descrizione della natura, del livello, del contesto, del contenuto e dello status degli studi effettuati e completati dallo studente secondo un modello standard in 8 punti, sviluppato per iniziativa della Commissione Europea, del Consiglio d'Europa e dell'UNESCO). Per in formazioni approfondite sul Diploma Supplement (clicca qui per informazioni)

ESPERIENZA PROFESSIONALE
Il candidato deve documentare di aver maturato un’esperienza lavorativa nello specifico settore di riferimento per almeno il periodo indicato nella seguente tabella:

Tabella titoli di studio

Il candidato deve dimostrare la propria esperienza lavorativa, avendo svolto mansioni tecniche e/o manageriali nella gestione dell’energia (energy management).
In particolare, sono considerate esperienze lavorative maturate nel settore dell’energia, le seguenti:
-    ruoli tecnici o manageriali presso studi o società di consulenza
-    consulenze come libero professionista
-    redazione di studi di fattibilità
-    progettazione ed erogazione di docenze
-    gestione dei progetti
-    analisi dei rischi di progetto
-    diagnosi energetiche/audit energetico/analisi energetica
-    audit per sistemi di gestione dell’energia (come previsto nella UNI EN ISO 19011)
-    analisi ed ottimizzazione dei sistemi energetici
-    conduzione e manutenzione impianti
-    supporto per la definizione e sottoscrizione di contratti di fornitura di energia
-    sviluppo e consulenza per la predisposizione e il mantenimento di sistemi di gestione dell’energia.
Tali esperienze devono essere riferite al settore richiesto (civile e/o industriale).

Per l’ammissione all’esame il candidato deve poter dimostrare, in riferimento alla specializzazione richiesta (civile e/o industriale), di aver svolto per una durata pari a quella sopra indicata i seguenti compiti di cui al punto 4 della norma:
- C.1 (eseguire) diagnosi energetiche comprensive dell'individuazione di interventi migliorativi anche in relazione all'impiego delle fonti energetiche rinnovabili in conformità alla serie UNI CEIEN 16247;
- D.2 (eseguire la) misura e verifica dei risparmi energetici ottenuti dall’EPIA (Azione di miglioramento della prestazione energetica);
- F Applicare in modo appropriato la legislazione e la normativa tecnica in campo energetico e ambientale;
- G Redigere e curare la reportistica e l'informazione per la direzione, il personale e l'esterno;
- nonché almeno 2 sotto compiti tra quelli riportati al punto 4 della norma e diversi dai sopra citati 4 obbligatori.
Il candidato, quindi, dovrà dimostrare di aver svolto almeno 6 dei compiti previsti al punto 4 della Norma 11339: 2023, con obbligatori quelli nei punti C.1, D.2, F e G.

Le competenze devono essere documentate attraverso: contratti, lettere di incarico, frontespizi di rapporti e progetti, diagnosi energetiche, fatture, e così via in cui devono comparire Nome e Cognome del candidato, Datore di lavoro/ Committente, funzioni e attività svolte e durata delle attività con i relativi riferimenti.

RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE
Il candidato in possesso dei requisiti sopra indicati, che intende sostenere l’esame di certificazione, deve presentare la richiesta di certificazione firmata allegando la documentazione necessaria.

Per informazioni: paolaluciani@aicarrformazione.org tel. 02.67075805